Costa sputa, Ronaldo segna

Douglas Costa sputa, Cristiano Ronaldo segna

costa sputa douglas sputo di francesco
Douglas Costa sputa in faccia a Di Francesco: orrenda azione ingiustificabile

I primi due gol bianconeri di CR7 segnano un pomeriggio di festa all’Allianz Stadium.
Tutto perfetto fino al 91′, quando il gol di Babacar ed il gesto orribile ed anti-sportivo di Douglas Costa rovinano la perfezione creata in un clima rilassato e positivo.

Analizziamo i Top e i Flop che sono scaturiti dalla quarta giornata di Serie A.

TOP – Dybala titolare

Ancora una volta Allegri sembra leggere il mio blog.
Prima il tridente “spoilerato” con Ronaldo, Mandzukic e Bernardeschi , ora ritroviamo Dybala titolare dopo l’articolo in cui venivano spiegate tutte le posizioni ricopribili dell’argentino all’interno di questa rosa.

Si parte con un 433 con Paulo largo a destra: modulo si tramuta spesso in rombo che vede il numero 10 come rifinitore puro dietro ai due attaccanti.
Sicuramente un tridente pesante, sostenibile grazie ad un centrocampo di puri muscoli forniti da Emre Can (in cabina di regia), Khedira e Matuidi.

L’allenatore decide poi di cambiare in corsa: Douglas Costa al posto di Mandzukic.
La Juve, in questo caso, alterna un 433 con Dybala falso nove ad un 442 camuffato con Matuidi largo a sinistra nei quattro di centrocampo.

Insomma, tante soluzioni utili e posizioni intercambiabili a seconda degli interpreti ma, finalmente, con Dybala e Ronaldo insieme contemporaneamente.

FLOP – Pochi italiani

Consigli, Ferrari, Locatelli e Berardi per il Sassuolo, il solo Bonucci per la Juventus. Dalla panchina, Di Francesco.
Cinque soli giocatori italiani nei 22 schierati in partenza e sei totali nei 28 che sono scesi in campo: statistiche raccapriccianti.

La Juve, l’ho già detto dopo l’addio di Claudio Marchisio, è purtroppo una squadra composta in gran numero da stranieri.
Sono sincero, questo è il limite più grande che posso trovare a questa squadra fenomenale, anche considerata la forte impronta italiana che da sempre contraddistingue le rose dei piemontesi.

Eppure la storia cambia per tutti, anche per il Sassuolo: società che ci aveva abituato a formazioni titolari composte soltanto da calciatori del Bel Paese.

In un momento storico in cui la Nazionale non va bene, è utile sottolineare questo preoccupante campanello d’allarme.

Iscriviti al mio blog!

Inserisci la tua e-mail per rimanere sempre aggiornato su tutti i nuovi articoli.

Unisciti a 32 altri iscritti

TOP – La doppietta di Cristiano

Mi prendo i meriti che mi spettano: devo aver portato fortuna al numero 7 grazie a questo video.

Il primo gol italiano di Ronaldo, devo ammetterlo, non è proprio bellissimo.
Ferrari rischia addirittura l’autogol, prima di crollare a terra triste e deluso: è lui il reo della prima esultanza del fenomeno portoghese.

Emre Can invece è il primo compagno ad innescare perfettamente CR7 dopo un contropiede perfetto: passaggio preciso, stop del Pallone d’Oro, gol di mancino ad incrociare: ecco servita la doppietta.

L’ex Real Madrid è incontenibile di gioia: sembra un bambino che “la butta” in fondo alla rete per la prima volta in assoluto, invece segna rispettivamente i gol numero 659 e 660 della sua splendida carriera da atleta.
Numeri terrificanti ed “alieni” ma che fanno ben sperare in vista della prima partita di Champions League in programma mercoledì sera a Valencia.

Festeggiamo la doppietta con una replica autorizzata della sua maglia bianconera!

FLOP – La difesa della Juve

Il mister l’ha detto e sono d’accordo: i bianconeri non possono permettersi di subire quattro gol in quattro partite.
La Serie A, da sempre, si vince prendendo pochi gol: in media 20/25 durante tutto il campionato.

Questa Juventus ha ballato con le (sulla carta) piccole, lasciando la porta inviolata contro la Lazio: sicuramente un segnale interessante.

Da approfondire inoltre il fatto che ben tre dei quattro gol siano arrivati disponendo di uno schieramento con due mediani invece che tre: l’unico gol mancante all’appello è quello di Gervinho contro il Parma.
Ancora una volta, quindi, il centrocampo a tre riesce a regalare un filtro maggiore a protezione della difesa e di Szczęsny.

SUPER FLOP – Lo sputo di Douglas

E’ impazzito, non ci sono altre spiegazioni.

Costa sputa, accenna una testata e rifila una spallata a Di Francesco.
Comportamento inammissibile che dovrà essere punito con multa, squalifica e, per quanto mi riguarda, tribuna in Champions come avvenuto con Bonucci due stagioni fa.

Ingiustificabile a prescindere, anche in ottica di un’ipotetica offesa rifilata dal figlio dell’allenatore della Roma all’ex Bayern Monaco.

Nient’altro da aggiungere se non l’ammissione di essere profondamente deluso dal comportamento anti-sportivo di una delle massime stelle della Juventus e della Serie A.

Seguimi:

Instagram Facebook YouTube FantaBoccia

Luca Toselli Administrator
Luca Toselli, nato a Mirandola il 25 luglio 1992. Laureato in Informatica, calciatore amatoriale, juventino viscerale. Adoro internet e i social network: il modo migliore per urlare a gran voce i miei pensieri sportivi. Dal 2014 gestore di un canale YouTube da oltre 130.000 iscrizioni.
follow me
Precedente Khedira rinnova con la Juve: i pro e i contro Successivo Ronaldo piange, diventa pazzo

Leave a Reply

Una replica a “Costa sputa, Ronaldo segna”

Rispondi